Tags Posts tagged with "grillo"

grillo

1 372

ragno_louise_bourgeois

Sono fermamente convinto dell’opportunità di un federalismo solidale e libertario, ottenuto grazie alla crescita di centri locali per un verso autonomi e per l’altro capaci di organizzarsi realmente in rete, sfruttando la tecnologia odierna. Non è un’idea nuova, ma resta a mio parere valida in un’epoca in cui sembra assurdo contrapporre l’idea di Stato, Popolo, Nazione a quella di Mercato, Liberismo, Globalizzazione. Infatti, solo equilibrando il globale con il locale, come insegnano Bookchin, Bauman, Beck e per certi versi Serge Latouche, è possibile uscire dalla contraddizione che implica la coesistenza della vecchia idea di Stato e della nuova globalizzazione.

Per questo, ho sempre sostenuto che il Movimento Cinque Stelle avrebbe dovuto dedicarsi alla politica locale, creando soluzioni amministrative diverse dalle consuete e punteggiando la mappa dell’Italia di località virtuose, capaci di collegarsi tra loro, di supplire a vicenda delle proprie debolezze, di rifiutare la competizione e la corsa alla supremazia economico-territoriale. Questa sarebbe stata la vera scelta rivoluzionaria.

Invece, il Movimento Cinque Stelle ha preferito infilarsi nell’imbuto unto della struttura politica tradizionale, affermando il suo diritto a partecipare a un parlamento che per sua stessa costituzione appare fradicio e pieno di buchi, non solo per la qualità dei suoi componenti. Non c’è niente di rivoluzionario nel parlamento italiano e nella politica delegata: ora ci sarà una persona migliore, ora una peggiore. Soprattutto, si riafferma, entrandovi, la supremazia di una politica centralizzata, statale, che addirittura si auspica autarchica, del tutto aliena dal mondo circostante e del tutto priva di significati di rottura. Si riafferma, sostanzialmente, l’importanza di un governo centrale forte, capace di arroccarsi come di offendere, mai di solidarizzare.

Questo è l’errore di un Movimento. Pensare che la società debba necessariamente iscriversi in un sistema politico già dato.

Buona fortuna.

18 1802

Andrò a votare. E’ sempre difficile. La sola militanza della mia vita è stata al Ponte della Ghisolfa e continuo a ritenere il pensiero anarchico – certo pensiero anarchico – come il più vicino a me. Persino, oggi, estremamente contemporaneo, come ho scritto anche qui. Una serie di motivi mi spingono a votare. Tra gli altri, che se elencassi diventerei ancora più noioso, il fatto che il movimento anarchico non ha la forza di far valere l’astensione politica quale rifiuto del principio di potere e strada verso la costituzione di una società ecologica. L’astensione dunque non mi pare oggi  un mezzo effettivo di intervento e di discorso. Resta, naturalmente, una scelta di coscienza, filosofica per così dire, e ammiro chi la vive in questo modo come ammiravo il mio amico Pietro quando, scegliendo di essere obiettore totale ai tempi in cui c’era il militare obbligatorio, mi diceva che non conosceva alternativa: “non mi guarderei più nello specchio.”

Detto questo, resisto alla tentazione di votare Berlusconi, che tuttavia è di gran lunga superiore ai suoi rivali nell’arena che l’odierna politica si è disegnata attorno. Non c’è nessuno alla sua altezza, capace di vivere e ostentare il proprio narcisismo con tanta schietta abbondanza di mezzi e di espressioni. Non c’è nessuno che, come è ben raccontato in questo libro, sia altrettanto sincero da chiedere voti in nome delle proprie psicosi, senza scendere al compromesso della razionalità. Lui è su un altro livello.

Ho dato un’occhiata a destra – dato che la destra mi pare esista in questo mondo – per curiosità e sono rimasto colpito dallo sbandieramento di concetti come Patria, Popolo, Nazione, Stato: nell’era della post globalizzazione, della comunicazione, della condivisione, della connettività permanente, mi sembra questa solo una tenera difesa, un modo per proteggere la propria sensibilità, per riconoscere l’incapacità di vivere l’epoca contemporanea, di vedere tutto questo male, tutto il mondo, tutte le cose che accadono. Lo Stato-Nazione, invenzione assai recente nella storia, resiste nell’immaginario perché abbiamo bisogno di una cornice. Di una porta che possiamo chiudere quando il mondo ci aggredisce con le sue tante verità. La conseguenza, è che poi il mondo non lo vediamo più, e credo che qui stia la profondità dell’ammonizione delle suore: se ti fai troppe seghe, diventi cieco.

Ho dato un’occhiata a Monti, una figura esemplare, consumata dal potere, che non vale un briciolo della follia di Berlusconi e si ostina a voler sorridere quando sarebbe molto più semplice non farlo. La sua chiamata alle armi in nome di un’emergenza che, non si sa come, avrebbe sistemato dopo averla corroborata, e la successiva convinzione di poter essere un nuovo Duce, perché il potere, checché ne abbia detto Andreotti, logora proprio chi ce l’ha – e qualcuno mi dica, se ha coraggio, che esiste una figura più logora di Andreotti proprio quando sostiene il contrario, con un ghigno beffardo che sintetizza tutto il male che ha dovuto assorbire per rimanere lì. Non ho nemmeno guardato il programma. Bum.

A sinistra naturalmente c’è il Pd. Devo dire che, come spiegò bene Massimo Recalcati in una puntata de l’Infedele di qualche anno fa (guadagnerò punti amore con questa citazione), Bersani sembra il solo leader che non professa leaderismo, ma tenta, direi disperatamente, di ricucire le fila di un’idea di partito, di movimento collettivo, senza però dare la giusta importanza alle epocali trasformazioni dell’epoca in cui vive. E’ ammirevole questa dedizione alla collettività lì dove tutti scelgono personalismi, ma è come un treno sui binari giusti, che però vada a vapore. Inoltre, la cosa che mi irrita di più è il fatto che in venti anni di berlusconismo questo grande partito non sia cresciuto per ciò che proponeva, ma per ciò che combatteva, e stenta, mi pare, a perdere il vizio.

Da quelle parti c’è Rivoluzione Civile, e qui faccio un discorso inverso, perché il personalismo qui si fa quasi idolo di se stesso e si presume che una persona, un bravo – a quanto so – magistrato sia in grado di governare e di guidare una fazione politica che è miscellanea proprio perché non è un politico. Ma questa forse è la fazione più politica di tutte, e dunque mi sembra ci sia un controsenso, così come c’era un controsenso nel credere che un dirigente d’azienda, o un preside d’economia, fossero adatti a governare perché sapevano, il primo, portare profitti alla propria impresa e, il secondo, trovare i fondi per la sua università. Le parole d’ordine di Rivoluzione Civile sono naturalmente del tutto condivisibili, ma questo partito è una mossa che, probabilmente per ignoranza, o perché non sono comunista, non capisco. Ho letto, ma non ho capito.

Tocca dire anche del M5S, a proposito del quale mi è capitato molto di discutere recentemente. Dirò brevemente perché non potrei mai votarlo, sebbene esso abbia il merito di porre l’attenzione su temi centrali trascurati dagli altri e di riprendere, anche se in maniera non originale, una serie di concetti dell’area libertaria (ma le aree le riprende un po’ tutte, il M5S, come una mannaia). Non potrei votarlo anzitutto per il leaderismo che lo contraddistingue: Grillo è il solo che si avvicina alla grandezza psicotica di Berlusconi, in questo, ed è assetato di potere come poche persone ho visto mai. Sarebbe sufficiente farlo vedere da qualcuno in gamba per essere sicuri di quanto sto dicendo. In secondo luogo perché vedo dell’ipocrisia nel parlare di rivoluzione quando in realtà, nel migliore dei casi, si vuole fare riformismo: la rivoluzione non si fa, infatti, andando in parlamento secondo le regole di chi c’è stato prima. Il riformismo mi potrebbe anche stare bene, ma questo mentire sulla sua natura mi sta già sul cazzo (ecco, già parlo come loro). Inoltre, non potrei votarlo perché è un movimento che non dà alcuna garanzia sulle scelte che faranno i suoi componenti, nemmeno in sede pre-parlamentare: non so cosa pensano dei temi più importanti, non vedo un’idea fondante, non vedo un principio. Solo temi amministrativi – e per questo sono convinto, come ho detto più volte, che sarebbe un gran Movimento se, per ora, si limitasse alle elezioni amministrative e locali, dove avrebbe bene un senso – oppure, dall’altra parte, proclami che sono un giorno nazionalisti (Noi Italiani!) e un giorno libertari (La Rete! Come se esistessero la rete italiana, la rete inglese, la rete francese…), un giorno liberisti (la Concorrenza!) un giorno statalisti (lo Stato forte!). Credo in definitiva che il M5S a livello nazionale sia una iattura e abbia molti punti in comune con tanti movimenti occidentali sciovinisti che hanno costellato la storia, e ne ho prova tutte le volte che un suo membro, schizofrenicamente, sostiene che Grillo sia “solo” un portavoce e poi lo difende da qualsivoglia accusa senza nemmeno ascoltare le critiche.

Alla fine, insomma, io voterò per queste elezioni nazionali SEL. Lo so, lo so, non è una cosa proprio anarchica. Ma è una forma di politica parlamentare che parte da idee e non da mere congetture amministrative, e che vanta dei principi. Qualcosa già è, dati i tempi che corrono. Soprattutto, è una forma politica che ha principi ma conosce la negoziazione, ovvero sa cosa significhi la vita politica parlamentare. Queste due cose devono essere indissolubili, in questo genere di democrazia. Come ho scritto altrove, infatti, la democrazia non è un ideale, ma uno strumento. E gli strumenti bisogna usarli per quel che sono, è inutile cercare di tagliare il pane con un coltello tenendolo per la lama. Inutile e dannoso.

E forse voti come il mio possono essere segnali di una sinistra non necessariamente comunista, ma fortemente sinistra. Magari segnali di fumo, ma segnali. Non sono certo di quello che faccio. Ma lo faccio. Sempre con il dubbio dentro e la voglia di sapere: prediligo il dubbio alla certezza, la domanda alla risposta, le ipotesi alle verità. Un voto dato con troppa convinzione è un voto già malato.

0 240

Da qualche giorno infuriano le discussioni attorno al Movimento 5 stelle. Come spesso accade ultimamente, posizioni divergenti vengono lette come affronti, critiche; come sfide o offese, riflessioni; come prese di parte (o di partito). Per quel che mi riguarda, sono convinto della forza propulsiva del Movimento a 5 stelle e credo che esso incarni, molto all’italiana, altri movimenti di rottura sparsi per il globo, a cominciare da Occupy Wall Street. Sono meno convinto da altre cose sulle quali vorrei porre l’attenzione, sia pure sinteticamente (me ne scuso). Queste cose sono:

–         il leaderismo;

–         la faciloneria rispetto al peso e al valore della rete;

–         un rifiuto aprioristico dei massimi sistemi;

–         il quasi totale disinteresse per la cultura

1)      il leaderismo

Non mi soffermo troppo su questo punto. Qualche riga fa ho scritto “all’italiana” e con questa espressione intendo dire

senza la capacità di dar vita a qualsivoglia movimento, partito, gruppo, squadra di calcio o calcetto, centro sociale, famiglia che non abbia un leader carismatico forte e predominante

Un movimento che si definisca tale e che creda nel proprio valore rivoluzionario dovrebbe interrogarsi anzitutto su questo. Che poi il leader di tale movimento non si candidi alle elezioni è un’aggravante, poiché egli assume in questo modo le connotazioni del Grande Sacerdote, dello Sciamano, dell’Intoccabile che resta a lato eppure è al centro. Ruolo spesso ricoperto dalle autorità religiose e paterne. Io non credo abbiamo bisogno di tutti questi padri: trovarne sempre di nuovi è un regresso.

2)      la Rete

Qui la trattazione richiesta sarebbe vastissima. Ho studiato la rete meno di molti altri, ma più di alcuni. Sono convinto della sua portata rivoluzionaria e sposo appieno le idee di de Kerchove (eh grazie, lo so), che tuttavia considero un pensatore molto, molto avanti rispetto ai tempi che corrono. La sua intelligenza connettiva – che non è affatto la somma di più intelligenze che si confrontano su una questione attorno a un tavolo virtuale – è nel contempo la partenza e il traguardo di un graduale abbandono del narcisismo odierno che, lo vediamo ogni giorno, si difende a denti stretti proprio dall’interno della stessa rete.

Il momento è epocale, è chiaro, e nessuno può dire con certezza quale sia la direzione. Importante allora sarebbe capire la grandezza della questione, trattarne con umiltà, compiere alcuni passi senza voler saltare il fosso. Si tratta di un problema prima culturale ed educativo che tecnologico. Rheingold, tra i creatori del web odierno, scrive, e lo cito spesso, che la rete richiede un senso civico estremamente sviluppato, poiché oggi possiamo agire con violenza contro qualcuno senza vederne il dolore. Possiamo, cioè, agire senza assistere alle conseguenze del nostro gesto linguistico. Non c’è, in definitiva, un limite ad una libertà che, però, non è un ideale condiviso ma la semplice e violenta libertà di fare quello che ci pare (senza conseguenze che ci tocchino).  Una libertà che è il contrario di ciò che sostiene di essere.

Se la rete permette inverosimili incontri di intelligenze, fa lo stesso per gli scontri e leggerne le potenzialità con semplicismo è un errore spaventoso. Siamo nel mezzo di una svolta, per comprenderne la portata non dobbiamo tanto parlare di quella, ma studiare la storia, le reazioni dell’umanità di fronte alle grandi rivoluzioni, il passato. I filosofi. Cosa che oggi è davvero poco in voga. Quando si parla di rete, la fretta di dire cosa sia è la peggior nemica dell’umanità.

3)      Il rifiuto dei massimi sistemi

In nome della concretezza a tutti i costi mi sembra si stia consumando un vero massacro. Non solo, né tanto, da parte del Movimento 5 stelle, è vero, ma io parlo di questo Movimento perché questo mi interessa. Si predilige un taglio amministrativo tout court che può funzionare perfettamente:

–         nelle amministrazioni locali, in piccoli contesti e su specifiche questioni;

–         quando si tratta di opporsi a una cosa, un progetto, un’idea.

Esistono però problemi che per semplicità ho definito relativi ai massimi sistemi. Si tratta di quei problemi non eminentemente pratici che richiedono anzitutto una riflessione e una presa di posizione, al di là della convenienza materiale (sarebbe conveniente la pena di morte per risolvere l’affollamento delle carceri, ad esempio). La presa di posizione di fronte a tali problemi (l’eutanasia, ad esempio, il matrimonio tra persone dello stesso sesso, la guerra, la tortura etc. etc.) deriva da principi che di solito l’uomo sintetizza in sostantivi. Uguaglianza, Libertà, Solidarietà. Autoritarismo, Potere, Religione. Laicità. E altro ancora. La nascita dei grandi movimenti politici è legata a questi principi (gli ideali) e d’altronde la vita di ognuno di noi lo è: l’Amore, ad esempio, cosa è se non un ideale, un’immagine, un discorso?

Mi si dice che questi ideali hanno stufato perché non si raggiungono mai (e difatti, l’Amore, per rimanere sul piano individuale e non collettivo, come lo immaginiamo non esiste affatto, per fortuna, è solo un desiderio che ci muove e spinge a negoziare, ad ottenerne uno reale, tangibile, una mediazione). Che bisogna essere concreti.

Ma la non fattibilità di determinati ideali non può e non deve impedirci di desiderarli, perché è il desiderio quello che ci muove e ci permette di vivere l’umanità. Porre gli oggetti di questo desiderio al centro di progetti politici non è utopia, è amore per l’uomo, per il futuro, per i figli, per la terra. Altrimenti, costruiremo bellissimi e funzionalissimi ponti per andare da nessuna parte o, nella peggiore delle ipotesi, quella che si sta avverando, scambieremo il consumo con l’ideale, l’oggetto da far nostro con il sogno.

Di un Movimento politico io voglio sapere cosa pensa dei massimi sistemi. Non mi basta che mi si dica: “quando si porrà il problema vedremo”. Io voglio sapere se immagina una società laica o religiosa, maschilista o paritaria, xenofoba o multiculturale, libertaria o autoritaria. Voglio conoscere i limiti che pone, perché la libertà è fatta di limiti anzitutto. Non sono problemi concreti? Accidenti se lo sono!

4)      Cultura

Si giunge così alla terrificante assenza di un discorso culturale, laddove la questione educativa e culturale dovrebbe essere al primo posto, non fosse altro che per la presenza della rete, immenso e propositivo motore culturale appunto. E’ un paradosso che non riesco a capire perché è proprio l’emarginazione della cultura l’effetto della politica degli ultimi decenni, votata al consumo, alla “crescita”, alla produzione a tutti i costi, alla quantità.

Chi si oppone al diktat del mondo odierno e critica il Pil come metro di giudizio di una società, chi si scaglia contro il potere finanziario e le multinazionali non può che fondare un discorso sensato sul piano culturale. E’ proprio la cultura l’arma in grado di affossare l’economia dominante, di riempire il nostro tempo qualitativamente, di avversare il consumo del quale siamo schiavi, di farci decrescere felicemente. Eppure, di cultura non v’è traccia. Soldi, conti. In questo modo mi sembra ci si metta alla pari di quanti cercano soluzioni quantitative a un problema che è qualitativo. Mi sembra, per dirla tutta, che alla pari di altri sostantivi (politica, ideologia, sinistra, destra) anche “cultura” stia pagando un dazio davvero alto sull’altare dei presunti innovatori. Certo, mi si dirà, è normale: in assenza di ideali, la cultura trova una difficile collocazione, ed è per questo che, ad esempio, una cultura di destra di fatto non esiste. Ma bisogna fare uno sforzo, credo, perché se non lo dice un Movimento giovane ed onesto che la cultura è importante, che serve come e più del consumismo, chi lo deve dire?

Mi si dirà a questo punto che soluzioni posso proporre. Boh. Le soluzioni pensate trenta anni fa (trenta!) da alcuni esponenti del pensiero libertario americano possono essere riviste senza essere snaturate, poiché parlavano di federazioni con territori e popolazioni ridotti nella quali grazie alla tecnologia si potesse esercitare una forma di democrazia il più diretta possibile, così come il discorso di Latouche contiene risvolti pratici importanti, e anche quello di molti altri che conosco troppo poco per citarli. E però, ognuna di queste soluzioni è vincolata alla rinuncia da parte nostra di qualcosa che è molto più importante del 30, del 50 o del 90% di stipendio. E’ la rinuncia al narcisismo, alla competizione, all’esercizio del potere, la rinuncia all’illusione del possesso della ragione. Soprattutto la rinuncia alla logica del consumo che ci fa sentire liberi quando facciamo qualcosa che nuoce agli altri – direttamente o indirettamente. Le federazioni di cui si parla sarebbero infatti fondate sulla solidarietà e su reciproci rapporti di scambio e di conoscenza. Niente di più lontano dall’aggressività odierna, dalla competizione a tutti i costi, dallo sbandamento che porta molti a una deriva violenta, volgare, gretta, meschina, vuota.

Si potrebbe iniziare con lo studio della storia, per capire meglio quali potrebbero essere i nostri futuri, perché tutte le epoche si sono trovate di fronte a grandi cambiamenti, non solo la nostra; e con lo studio della letteratura, con l’esercizio della musica e della poesia, perché nell’arte spesso si sono trovate risposte ai mali della società. Con la lettura delle teorie libertarie di Bookchin, delle critiche di Pasolini, con la rinuncia a gridare, urlare, parlare sopra, anche quando sembrerebbe la sola soluzione.

La rete ce lo permette, perché in rete non è chi grida che viene più ascoltato. Per ora, è chi paga. E profumatamente.

Ma chissà, tra qualche tempo…

Pamarasca

0 174

Il pd è un gruppo di strombati che si fanno canne dalla mattina alla sera, tanto non dà dipendenza, parlando ognuno delle sue menate finché passa il loro treno e tutti insieme allampanati stupiscono: “di già?” (e un altro: “ma sììì daiii, tanto ne passa un altrooo”)

Renzi  si cala chicche in discoteca e salta a ritmo drum’n’bass nel centro della pista senza accorgersi che se ne sono andati tutti dal locale, tranne quei tre ragazzini lì, riversi sul divano, con gli occhi chiusi come dice Castelvecchi

Vendola lsd classico, vecchio stile, visioni, utopie e ghirigori sul futuro, ma con stile, tanto stile

Udc ancora più sul classico, la religione e l’ordine, droghe che non muoiono mai (ma uccidono, accidenti se uccidono)

Cinquestelle religione idem, ma pagana

I finiani niente droghe, per questo non ci capiscono più un cazzo

La cocaina se l’è presa tutta la maggioranza, sentirai che down, tra poco

Pamarasca